Da tempo Sem Galimberti ricerca documenti e fruga tra i ricordi familiari con il desiderio di conoscere più a fondo la comunità di Brignano, il suo paese di origine; questo sforzo non è da sottovalutare, perché esprime l’esigenza di dar fondamento alla memoria, di confrontarla con altre fonti, di dare rilievo al contesto.

I quattro “racconti” qui presentati sono un risultato interessante di questo lavoro e, anche se ciascuno di essi conserva una sua autonomia rispetto agli altri, è vero che nel loro insieme ci offrono un quadro di una comunità che passa attraverso alcuni nodi della sua storia nell’arco di tempo che copre quasi tutto il secolo scorso.

Insegnante pittore e pubblicista Sem Galimberti è docente d’arte nei corsi di Educazione degli Adulti e della Terza Università (T.U.). È guida didattica del Museo Archeologico e della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (GAMeC) di Bergamo. Curatore di mostre, ha scritto saggi su riviste, articoli di cultura artistica, libri di testo, monografie. Ha pubblicato Onori di casa (Lubrina, 2000), Emilio Nembrini pittore (Grafica& Arte, 2003), Transiberiana incipit (Lavoro-dopo CGIL, 2007), Brincar para crescer (Sestante, 2008), Guida inutile della città di Bergamo (Sestante, 2010), Voglia d’Aprile (con Oscar Locatelli, Sestante, 2012) Anniversari & Compleanni, poesie (Nuova Prhomos, 2014). Sem Galimberti ama viaggiare e soprattutto registrare le esperienze e gli incontri nei Taccuini di viaggio (Edizioni Hortus Conclusus) scritti e illustrati, fedele al motto “Tutto quello che non ho disegnato, non l’ho visto”.