€ 7,00

spedizione compresa

Sottoscrittori Card Moltefedi € 5,50

52 pagine
finito di stampare nel marzo 2019
Coop Achille Grandi Editrice
ISBN 978-88-944201-1-1
9788894420111

NEI CONFLITTI STRADE DI PACE 

Una vista spesa al servizio degli uomini

Staffan de Mistura
in dialogo con Fulvio Scaglione

Introduzione di Roberto Savio

Staffan de Mistura,
la diplomazia degli ideali

Questa intervista di Staffan de Mistura dovrebbe essere distribuita nelle scuole, dove le ricerche sono unanimi: ai giovani mancano gli idoli, le figure che ispirano. Non a caso se ne stanno creando dei propri, come la sedicenne svedese Greta Thunberg, che sta ispirando all’azione sul cambio climatico migliaia di studenti nel mondo. De Mistura sicuramente sarebbe una scoperta per molti. Il giuramento che racconta, di dedicare la sua vita ai deboli e alle ingiustizie, davanti alla inumana decisione di un cecchino di uccidere un bambino, sulla linea divisoria di Cipro, può essere sicuramente visto come un fremito giovanile. Ma poi, nell’intervista, si vede che de Mistura ha mantenuto questo impegno, per tutta la sua vita…

(continua)

NEI CONFLITTI STRADE DI PACE- Staffan De Mistura
N. TESSERA ACLI
ID CARD MOLTEFEDI

NOTE SULLA SPEDIZIONE.
               

Il libro verrà spedito col servizio “pieghi di libri” di  Poste Italiane, che lo consegnerà in (generalmente) cinque giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì.
La spedizione non è tracciabile.

Ti suggeriamo di indicare un indirizzo presidiato.

FULVIO SCAGLIONE
giornalista, dal 2000 al 2016 è stato vice-direttore del settimanale “Famiglia Cristiana”; è stato corrispondente da Mosca, seguendo la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, e quindi l’Afghanistan, l’Iraq e i temi del Medio Oriente. Ha pubblicato diversi libri e collabora con diverse testate tra cui Famiglia Cristiana, Avvenire, L’Eco di Bergamo, Limes, EastWest, L’Inkiesta, Micromega, Terrasanta.Net.

STAFFAN de MISTURA
diplomatico e uomo politico italiano e svedese, è stato attivo in varie agenzie dell’ONU, nel cui World Food Programme iniziò la carriera. Ha ricoperto gli incarichi di rappresentante del Segretario Generale in Iraq dal 2007 al 2009; dal 2011 al 2013 è stato sottosegretario e viceministro nel governo Monti; dal 2014 a dicembre 2018 è stato sottosegretario alle Nazioni Unite e inviato speciale dell’ONU per la Siria. È presidente dell’European Institute of Peace, con sede a Bruxelles. A febbraio 2019 gli è stato assegnato il Premio ISPI, destinato a personalità che hanno contribuito a rafforzare l’immagine dell’Italia nel mondo.