A ROMANO PRODI IL PREMIO “MOLTE FEDI – COSTRUTTORI DI PONTI”
Lunedì 23 settembre la consegna al Centro Congressi Giovanni XXIII

Per il primo anno nelle sue dodici edizioni, Molte fedi sotto lo stesso cielo ha assegnato un premio, in collaborazione con L’Eco di Bergamo, dedicato ai “Costruttori di ponti”. E’ il Professor Romano Prodi a il primo vincitore di questo riconoscimento. La cerimonia di assegnazione è avvenuta lo scorso  lunedì 23 settembre, alle 20.45al Centro Congressi Giovanni XXIII di viale Papa Giovanni 106, in città, nell’ambito appunto della rassegna culturale promossa dalle Acli provinciali di Bergamo.

“Per il suo impegno concreto nella costruzione di una Europa dei cittadini unita e solidale.
Per la sua capacità di intessere dialogo e relazioni tra i popoli per un futuro di cooperazione e di pace.
Per il suo esempio di uomo e politico lungimirante e capace al servizio della comunità umana.”

Il premio, del valore di 5.000 euro, viene erogato ad un’organizzazione non profit su indicazione di chi lo riceve. Il Professore ha deciso di devolverlo a Medici per l’Africa CUAMM di Padova, una ONG italiana che si spende per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Nata nel 1950, è attualmente presente in Angola, Etiopia, Mozambico, Sud Sudan, Sierra Leone, Tanzania, Uganda e Repubblica Centrafricana con 72 progetti di cooperazione, 23 ospedali e un centinaio di micro-realizzazioni.

Dopo la consegna del premio, Prodi ha tenuto una lectio magistralis intitolata “Le sfide del XXI secolo. Oltre le paure, per un’idea di futuro”. Un’occasione unica per ascoltare l’ex presidente della Commissione europea, soprattutto dopo le turbolenze della politica italiana e continentale dell’ultimo periodo, che circa 800 persone non si sono lasciate sfuggire. Ad introdurre la serata don Giovanni Nicolini, assistente spirituale delle Acli nazionali, amico e ospite fisso della rassegna bergamasca.

Leggi l’articolo de L’Eco di Bergamo

Leggi l’articolo del Corriere della Sera

Leggi l’articolo di Bergamonews

Guarda le foto della serata