Lectio Magistralis di

Michelle Bachelet 

Diritti umani:
una lunga strada da percorrere

INVITATA PRIMAVERA 2020

Può forse tardare Primavera?

Michelle Bachelet, perseguitata politica del regime di Augusto Pinochet, figlia di Alberto Bachelet generale dell’aviazione che morì assassinato dal regime fascista, oggi è una delle donne politiche più influenti al mondo. Negli anni ’70 si rifugia in Germania Est, dove si laurea in pediatria. Tornata in Cile nel 1979, il suo impegno con il partito socialista e il suo lavoro negli ospedali la portano a diventare Ministro della Difesa e poi della Sanità. Nel 2006 è stata eletta prima Presidente donna del Cile per due mandati (2006-2010 e 2014-2018). Il suo obiettivo è rincontrarci su alcuni valori: volere tutti insieme una società sana, democratica e umana, associando il presente con il futuro. I suoi manifesti elettorali riportavano la scritta ‘sto con te’. Concludeva i suoi discorsi dicendo ‘parola di donna’. Il suo percorso personale e politico è il condensato di una parte della storia del Cile. Direttrice dell’agenzia dell’Onu per la Promozione dell’uguaglianza di genere dal 2010 al 2014, da settembre 2018 è Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.