Cristina Simonelli

Giovedì 3 dicembre 2015 ore 20.30 - Priorato Rettoriale di Sant'Egidio in Fontanella di Sotto il Monte

Tamar, la vedova.

Diciamo ciascuno per conto nostro: “Tamar è più giusta di me”

(Sant’Ambrogio, De poenitentia II)

Riflessione di Cristina Simonelli, docente di teologia patristica.

Tamar, l’ultima matriarca, la prima delle quattro donne citate da Matteo nella genealogia di Gesù. Il Messia ha voluto discendere da questa donna, che con il suo agire, formalmente scorretto, ha portato gli uomini che amministravano ciecamente la legge a riconoscere il diritto alla giustizia dei senza potere troppo

Cristina Simonelli, nata a Firenze, dal 1976 al 2012 ha vissuto in un accampamento Rom, prima in Toscana, poi a Verona come parte, dal 1981, del Gruppo Ecclesiale Veronese fra i Sinti e i Rom, incaricato dalla diocesi veronese per tale pastorale. È stata membro della Commissione Ecclesiale per le Migrazioni dal 1995 al 1999. Socia del Coordinamento Teologhe Italiane dalla sua fondazione, lo coordina come presidente dal gennaio 2013. È docente di teologia patristica a Verona (San Zeno, San Bernardino, San Pietro Martire) e a Milano (Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, Istituto Superiore di Scienze Religiose, Seminario Arcivescovile). Oltre all’impegno in molte pubblicazioni, soprattutto all’interno di miscellanee, fa parte della redazione delle Riviste: Servizio Migranti; Esperienza e Teologia; Parole di Vita.

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA A PARTIRE DA GIOVEDI 20 NOVEMBRE.

IN COLLABORAZIONE CON:

Priorato Rettoria di Sant’Egidio in Fontanella di Sotto il Monte