€ 10,00

spedizione compresa

Tesserati Acli -15%
Sottoscrittori Card Moltefedi -25%

79 pagine
finito di stampare nell’aprile 2018
Coop Achille Grandi Editrice
ISBN 978-88-942742-3-3

sull’Educare 

omaggio a don Lorenzo Milani

di Ivo Lizzola

Che cosa vuol dire educare in questo tempo di trasformazioni dirompenti? In questo tempo che scompagina tutti gli orizzonti e sembra rendere strumentali e banali tutti i valori? Che cosa vuol dire, di fronte alle crescenti difficoltà del rapporto tra le generazioni? Di questo ci parla, con la sapienza appassionata che lo distingue, Ivo Lizzola in questa agile raccolta di suoi testi. [In particolare, il primo capitolo di questo volume è stato pubblicato come “postfazione” a Casey Carter S., (2016), Quando la scuola educa. 12 progetti formativi di successo, Città Nuova, Roma. Il secondo è un’intervista a cura di Alberto Ghidini – ndr] In crisi è anche l’educazione. E gli educatori. “L’educazione si è fatta esperienza difficile, quasi temuta” – annota Ivo – anche perché “molti adulti si sentono inadeguati”.  E invece la relazione educativa, per aprirsi, “chiede presenza, esperienza della differenza, senso del futuro e della consegna, narrazione”.

continua a leggere l’introduzione di F.Passuello

scegli il prezzo cui hai diritto
N. TESSERA ACLI
ID CARD MOLTEFEDI

NOTE SULLA SPEDIZIONE

Il libro verrà spedito col servizio “pieghi di libri” di  Poste Italiane, che lo consegnerà in (generalmente) cinque giorni lavorativi.

Ti suggeriamo di indicare un indirizzo presidiato.

Indice

Educare al tempo della crisi, di Franco Passuello….pag. 7
1. Non avere paura di educare…. pag. 13
2. C’è dell’altro nella scuola….pag. 25
3. Le vite dei giovani e le periferie del tempo presente….pag. 51
4. Don Milani e la soglia della parola….pag. 63

IVO LIZZOLA
è professore di Pedagogia sociale e di Pedagogia della marginalità e della devianza presso l’Università degli Studi di Bergamo. La sua ricerca e l’attività di consulenza e di formazione nei Servizi educativi e sociosanitari hanno riguardato lo sviluppo delle politiche sociali (con attenzione ai giovani e alle marginalità) e più recentemente i temi della cura, delle vulnerabilità e della bioetica. È stato Presidente provinciale delle ACLI di Bergamo.