Ultimi giorni per inviare i propri elaborati!

Condividi su

Molte fedi sotto lo stesso cielo è lieta di promuovere la prima edizione del concorso letterario “Premio Anna Francesca Trevisan”,  rivolto a studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado

Il concorso consiste nella realizzazione di elaborati in lingua italiana; il tema del concorso è strettamente legato all’edizione 2020 della rassegna.

Un’iniziativa per stimolare nei giovani autori il desiderio di partecipare da protagonisti alla vita comunitaria, per vivere una vita dal peso specifico elevato.

 

Due le sezioni previste


GIOVANISSIMI
, per ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado; 

GIOVANI, per la Scuola Secondaria di Secondo Grado.


In palio tre borse di studio
 per ciascuna delle due sezioni del concorso.

Gli elaborati andranno presentati entro il 31 gennaio 2021.

 
Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


SCARICA IL REGOLAMENTO E LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE




La storia di Anna

Il concorso è dedicato alla memoria della piccola Anna Francesca Trevisan, nata a Treviglio il 4 ottobre 2019, a cui viene diagnosticato un raro tumore a pochi giorni dalla nascita.

Dopo diversi cicli di terapie nel reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale Papa Giovanni e di amorevoli cure nella casa Amoris Laetitia di Bergamo, Anna si spegne il 25 aprile 2020, accompagnata dall’amore di tutta la sua famiglia.

LEGGI LA STORIA DI ANNA

 

Abbiamo quindi deciso di celebrare la memoria di Anna attraverso questo concorso letterario, perché la speranza per il domani si costruisce oggi, e lo studio è il miglior seme da coltivare negli anni della giovinezza.

Il tema 2020 di Molte Fedi sotto lo stesso cielo è “In mare aperto. Abitare l’incertezza, ripensare il futuro”. Da qui il tema del concorso letterario.

"Abitare l'incertezza", è stata una delle cifre interpretative dei sei mesi di Anna: tutto è stato incertezza sin dai primi giorni della sua vita.

“Ripensare il futuro”, è la speranza che noi, terrorizzati dalla tempesta, ricevevamo proprio da lei che pareva dirci: "Perchè siete così paurosi? Non avete ancora fede?”

 



Con il Patrocinio delle ACLI di Bergamo, della Fondazione Angelo Custode, del Centro Salesiano don Bosco di Treviglio, dell’Associazione Genitori AGE Castello, dell’Ufficio della Pastorale Scolastica della Diocesi di Bergamo e con il Patrocinio del Comune di Castel Rozzone, della Provincia di Bergamo e della Regione Lombardia.

 

Iraq. Cristiani e musulmani aspettano la visita del Papa
Precedente

Iraq. Cristiani e musulmani aspettano la visita del Papa

Lascia la recensione
Sarà una “visita storica” perché sarà il primo pap
Leggi di più
Ai nostri fratelli maggiori
Successivo

Ai nostri fratelli maggiori

Lascia la recensione
Le tappe fondamentali del progressivo avvicinament
Leggi di più