È tempo di incontro. Concerto di inaugurazione

Piccola Orchestra dei Popoli

È ancora tempo d’incontro, di convivenze possibili? L’esperienza della Piccola Orchestra dei Popoli ci dimostra che sì, è ancora possibile, perché la musica si fa strumento di pace e armonia con un approccio di rivisitazione e contaminazione. Il concerto di inaugurazione di Molte Fedi 2024 vorrebbe ripartire da quell’intuizione che ha dato origine 17 anni fa alla rassegna: realizzare una convivialità delle differenze proprio a partire dal mar Mediterraneo, mare che dovrebbe unire terre e popoli. Riunendo artisti di diverse nazionalità, la Piccola Orchestra dei Popoli spazia dai canti tradizionali albanesi e libanesi a quelli giapponesi, dalla poesia musicata di David Maria Turoldo al tango argentino.
Gli strumenti utilizzati sono realizzati a partire dal legno delle barche dei migranti approdati a Lampedusa e lavorati all’interno della Liuteria del carcere di Opera e di altre liuterie presenti in diverse carceri italiane.



La Piccola Orchestra dei Popoli è un laboratorio artistico che riunisce musicisti di diverse nazionalità. È un’esperienza di convivenza fra persone appartenenti a culture e religioni diverse, nata all’interno della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti. Il gruppo è concepito non come un organico stabile, ma come una struttura aperta alla collaborazione con altri musicisti, a seconda della particolarità dei singoli progetti a cui dà vita la Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti. La prima esecuzione è avvenuta il 4 febbraio 2022 in Vaticano alla presenza di Papa Francesco e l’11 dicembre 2022 al Quirinale, il progetto Metamorfosi ha avuto un riconoscimento dalla Presidenza della Repubblica, poi è stato ospite in varie trasmissioni televisive, e nell’aprile 2023 è stato realizzato un video a sostegno del progetto con la partecipazione del celebre musicista Sting.

Data

10 Settembre 2024

Ora di inizio

20:45

Luogo

Lazzaretto di Bergamo

Ingresso

con prenotazione

Prenotazioni per tutti

Dal 01/07/2024